Procedura di pre-iscrizione

Questa procedura costituisce una fase obbligatoria e preliminare all'effettiva iscrizione all'Albo, che sarà successivamente perfezionata presso la sede dell'Ordine, con l'apposizione delle firme sui documenti.

Al termine della procedura, caricati i seguenti documenti (obbligatori se non diversamente specificato), verrà restituito dal sistema un avviso sulla presa in carico della richiesta.

  • documento di identità fronte/retro in formato PDF
  • tessera sanitaria (codice fiscale) fronte/retro in formato PDF
  • fototessera in formato JPG
  • versamento della tassa di concessione governativa (non richiesto in caso di trasferimento) in formato PDF
  • versamento tassa di iscrizione all'Ordine / diritti di Segreteria (qualora dovuti - pagamento da eseguirsi tramite PagoPA, vedere sezione "Importo per iscrizione: modalit√† di pagamento") in formato PDF

Successivamente al controllo delle informazioni e degli allegati inseriti, sarà trasmesso dall'Ordine esito della verifica sulla casella di posta elettronica ordinaria comunicata:

  • in caso di esito positivo verrà rilasciato un codice univoco di identificazione della richiesta congiuntamente alle modalità di deposito dell'istanza
  • in caso negativo sarà necessario effettuare le opportune modifiche alla richiesta attraverso l'apposito link che sarà inviato tramite email insieme alle indicazioni da seguire.
  • essere in possesso dei requisiti di cui all’art. 47 o 48 del DPR 328/01 , ovvero dei requisiti maturati secondo il previgente ordinamento, ovvero titolo professionale riconosciuto dal Ministero della Giustizia
  • avere residenza anagrafica o domicilio professionale nella Città Metropolitana di Genova, ai sensi dell’art.16 della L. 526/99
  • avere il godimento dei diritti civili e non essere incorso in alcuna delle condanne di cui all’art. 28, prima parte, della L. 8 giugno 1874, n. 1938, sull’esercizio della professione di avvocato e procuratore, salvo che sia intervenuta la riabilitazione a termini del codice di procedura penale
  • non essere iscritto né avere presentato domanda di iscrizione ad altro albo ingegneri
  • Marca da bollo da € 16,00 (da apporre sulla modulistica)
  • Tassa di concessione governativa: € 168,00 (una-tantum; la tassa non è dovuta in caso di trasferimento) da versare mezzo c/c postale n° 8003 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara (ndr può essere indicato un diverso Centro Operativo) – Tasse Concessioni Governative (bollettino reperibile presso gli Uffici Postali) – codice causale 8617
  • Nuova iscrizione (prima iscrizione, re-iscrizione)
    • in caso di iscrizione entro 60 giorni dalla data della verbalizzazione del superamento dell'Esame di Stato (1):
      la tassa di iscrizione e i diritti di segreteria non saranno dovuti
    • in tutti gli altri casi:
      € 135,00 oltre € 15,00 di diritti di segreteria
  • Trasferimento (2):
    • se la tassa di iscrizione annuale è stata corrisposta all’Ordine di provenienza o si è a ruolo per il versamento presso l’Ordine di provenienza:
      € 20,00 di diritti di segreteria
    • se la tassa di iscrizione annuale NON è stata corrisposta all’Ordine di provenienza e NON si è a ruolo per il versamento presso l’Ordine di provenienza:
      € 135,00 oltre € 20,00 di diritti di segreteria
  • Passaggio da sezione B a sezione A
    • € 15,00 di diritti di segreteria (tassa di iscrizione annuale corrisposta per sez. B)

(1) Il Consiglio dell’Ordine, nella riunione del 01/07/2019, ha deliberato all’unanimità di estendere, ogni qualvolta il termine di 60 giorni di iscrizione a titolo gratuito sia ridotto per chiusura dell’Ordine, di una quantità di giorni pari a quella della chiusura dell’Ordine: fanno eccezione i giorni di chiusura ordinari di sabato e domenica.

(2) Gli iscritti provenienti da altro Ordine che presentino domanda di trasferimento all’Ordine di Genova devono essere in regola con il pagamento delle tasse di iscrizione.
Nel caso in cui la tassa relativa all’anno di presentazione della domanda non sia stata ancora richiesta dall’Ordine di provenienza e, di conseguenza, non sia stata corrisposta: prima di inoltrare richiesta di trasferimento all’Ordine di Genova contattare il proprio Ordine, preferibilmente tramite PEC, per provvedere al pagamento o farsi accordare la possibilità di corrispondere la tassa di iscrizione dell’anno corrente all’Ordine di Genova.

Il pagamento dovrà essere effettuato tramite PagoPA. Per generare l'avviso di pagamento:

  1. raggiungere la pagina di registrazione per la generazione degli avvisi di pagamento PagoPA dell'Ordine degli Ingegneri di Genova raggiungibile a questo link
  2. procedere alla registrazione (n.d.r. qualora ci si sia precedentemente registrati inserire le credenziali già in utilizzo per accedere direttamente al servizio)
  3. effettuare l'accesso
  4. selezionare la voce "Pagamenti PagoPA" disponibile nel menu di sinistra dell'area personale
  5. selezionare, tra le opzioni inerenti l'iscrizione all'Ordine di persone fisiche (Nuova Iscrizione/Iscrizione per trasferimento con quota annua già pagata/Iscrizione per trasferimento con quota annua da pagare/Re-iscrizione/Nuova iscrizione per passaggio da sezione B a sezione A), la voce "Genera Bollettino" corrispondente a quella d'interesse per procedere alla generazione dell'avviso di pagamento

Nota: la procedura di pre-iscrizione richiede il caricamento della ricevuta di pagamento: prima di procedere con la compilazione della domanda accertarsi di averla disponibile in formato pdf

Residenza e domicilio professionale

L'iscrizione all'Ordine è subordinata al possesso di residenza o domicilio professionale nella provincia in cui l'Ordine insiste (n.d.r. qualora detto requisito venga in seguito a mancare è necessario chiedere il trasferimento ad altro Ordine o la cancellazione per dimissioni).

Qualora non si risieda in Genova o nella sua provincia, l’indirizzo di domicilio professionale in Genova o nella sua provincia è dunque tassativamente obbligatorio

Per quanto disposto all’art. 43 del Codice Civile “Il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi” ed in ottemperanza all’art. 16 della Legge 526/199 (Legge Comunitaria 1999) “Per i cittadini degli Stati membri dell'Unione Europea, ai fini dell'iscrizione o del mantenimento dell'iscrizione in albi, elenchi o registri, il domicilio professionale è equiparato alla residenza (omissis)”, l’indirizzo di domicilio potrà essere individuato in quello professionale.

L’indirizzo di domicilio professionale, qualora il Richiedente lo desideri, può essere comunicato anche risiedendo in Genova o nella sua provincia.

Titoli di studio

Il DPR 328/2001 “Modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni, nonché della disciplina dei relativi ordinamenti” – in vigore dal 02/09/2001 - ha suddiviso l'Albo in due Sezioni (A e B) ciascuna delle quali suddivisa nei seguenti tre Settori:

  • civile e ambientale
  • industriale
  • dell’informazione

L'iscrizione nelle sezioni A e B è subordinata al superamento di apposito esame di Stato.

Sezione A (per corsi di studi quinquennali)

Alla Sezione A si accede, previo esame di Stato, con un corso di studi quinquennale e dunque con il titolo di Laurea (Vecchio Ordinamento, previgente la riforma universitaria D.M. n.509/99) o Laurea Specialistica/Magistrale (Nuovo Ordinamento).

Coloro che hanno conseguito una Laurea V.O., se ricadono nei casi di cui all’art. 49 del DPR 328/2001, hanno facoltà di optare tra uno o più Settori; qualora non vi ricadano potranno iscriversi unicamente nel settore (o nei settori) per il quale hanno superato specifico esame di Stato.

Coloro che hanno conseguito una Laurea Specialistica/Magistrale (N.O.) possono iscriversi nel settore (o nei settori) per il quale hanno superato specifico esame di Stato (art. 47 comma 2 del DPR 328/2001):

Settore

CLASSI DI LAUREA SPECIALISTICA D.M. 509/99

CLASSI DI LAUREA MAGISTRALE D.M. 270/04

civile e ambientale

1) Classe 4/S - Architettura e ingegneria edile - Direttiva 85/384/CEE

LM-4 Architettura e ingegneria edile-architettura

2) Classe 28/S - Ingegneria civile

LM-23 Ingegneria civile

3) Classe 38/S - Ingegneria per l'ambiente e per il territorio

LM-24 Ingegneria dei sistemi edilizi

LM-26 Ingegneria della sicurezza

LM-35 Ingegneria per l'ambiente e per il territorio

industriale

1) Classe 25/S - Ingegneria aerospaziale e astronautica

LM-20 Ingegneria aerospaziale e astronautica

2) Classe 26/S - Ingegneria biomedica

LM-21 Ingegneria biomedica

3) Classe 27/S - Ingegneria chimica

LM-22 Ingegneria chimica

4) Classe 29/S - Ingegneria dell'automazione

LM-25 Ingegneria dell'automazione

5) Classe 31/S - Ingegneria elettrica

LM-26 Ingegneria della sicurezza

6) Classe 33/S - Ingegneria energetica e nucleare

LM-28 Ingegneria elettrica

7) Classe 34/S - Ingegneria gestionale

LM-30 Ingegneria energetica e nucleare

8) Classe 36/S - Ingegneria meccanica

LM-31 Ingegneria gestionale

9) Classe 37/S - Ingegneria navale

LM-33 Ingegneria meccanica

10) Classe 61/S - Scienza e ingegneria dei materiali

LM-34 Ingegneria navale

LM-53 Scienza e ingegneria dei materiali

dell'informazione

1) Classe 23/S - Informatica

LM-18 Informatica

2) Classe 26/S - Ingegneria biomedica

LM-21 Ingegneria biomedica

3) Classe 29/S - Ingegneria dell'automazione

LM-25 Ingegneria dell'automazione

4) Classe 30/S - Ingegneria delle telecomunicazioni

LM-26 Ingegneria della sicurezza

5) Classe 32/S - Ingegneria elettronica

LM-27 Ingegneria delle telecomunicazioni

6) Classe 34/S - Ingegneria gestionale

LM-29 Ingegneria elettronica

7) Classe 35/S - Ingegneria informatica

LM-31 Ingegneria gestionale

LM-32 Ingegneria informatica

Sezione B (per corsi di studi triennali)

Alla Sezione B si accede, previo esame di Stato, con un corso di studi triennale e dunque con il titolo di Laurea (Nuovo Ordinamento) o Diploma Universitario (art. 8 comma 3 del DPR 328/2001)

Coloro che hanno conseguito una Laurea possono iscriversi nel settore per il quale hanno superato specifico esame di Stato (art. 48 comma 2 del DPR 328/2001):

Settore

CLASSI DI LAUREA D.M. 509/99

CLASSI DI LAUREA D.M. 270/04

civile e ambientale

Classe 4 - Scienze dell'architettura e dell'ingegneria edile

Classe L-7 - Ingegneria civile e ambientale

Classe 8 - Ingegneria civile e ambientale

Classe L-17 - Scienze dell'architettura

Classe L-23 - Scienze e tecnica dell'edilizia

industriale

Classe 10 - Ingegneria industriale

Classe L-9 - Ingegneria industriale

dell'informazione

Classe 9 - Ingegneria dell'informazione

Classe L-8 - Ingegneria dell'informazione

Classe 26 - Scienze e tecnologie informatiche

Classe L-31 - Scienze e tecnologie informatiche

Gli iscritti alla Sezione B con Diploma Universitario possono iscriversi nel settore per il quale hanno superato specifico esame di Stato (Tabella A DPR 328/2001):

Settore

Titolo Diploma Universitario

civile e ambientale

Economia e ingegneria della qualità

Edilizia

Ingegneria civile

Ingegneria dell'ambiente e delle risorse

Ingegneria delle infrastrutture

Ingegneria

Ingegneria per l'ambiente e il territorio edile

settore industriale

Ingegneria aerospaziale

Ingegneria biomedica

Ingegneria chimica

Ingegneria dei materiali

Ingegneria dell'automazione

Ingegneria delle materie plastiche

Ingegneria elettrica

Ingegneria elettrica con teledidattica

Ingegneria energetica

Ingegneria industriale

Ingegneria logistica e della produzione

Ingegneria logistica e della produzione - orientamento tessile

Ingegneria meccanica

Produzione industriale

Scienza e ingegneria dei materiali

Tecnologie industriali e dei materiali

dell'informazione

Ingegneria delle telecomunicazioni

Ingegneria dell'automazione

Ingegneria elettronica

Ingegneria informatica

Ingegneria logistica e della produzione

Economia e ingegneria della qualità

Ingegneria biomedica

Diritti Civili / Condanne Penali

Dichiarare di avere il godimento dei diritti civili e di non essere incorsi in alcuna delle condanne di cui all'art. 28, prima parte, della L.. 8 giugno 1874, n. 1938, sull'esercizio della professione di avvocato e procuratore, salvo che sia intervenuta la riabilitazione a termini del codice di procedura penale.

In caso contrario, indicare le eventuali condanne riportate, gli estremi delle relative sentenze, da indicare anche se è stata concessa amnistia, perdono giudiziale, condono, indulto, non menzione etc. ed anche se nulla risulta nel casellario giudiziale ed i procedimenti penali eventualmente pendenti nonché i dati contenuti nel casellario giudiziale.

Inizio procedura di inserimento domanda

Seleziona la tipologia di richiesta e poi premi sul pulsante: